Skip Navigation LinksHome > Editoriale Categoria > Editoriale Articolo

Coltivare la frutta

Amate la Natura: vi riconnette con voi stessi e con le cose belle della vita. State accarezzando anche da un po’ l’idea di crearvi un orto sul balcone. O addirittura sognate di imparare a gestire un pezzetto di terra un po’ più grande. E nelle vostre fantasie, naturalmente, c’è la frutta. Come si fa a coltivare della buona frutta in modo autonomo e accurato? Scopritelo con la nostra mini guida.

Chi ama stare all'aria aperta e fare una vita sana, spesso è molto attento anche all’alimentazione. In particolare, i benefici della frutta possono davvero fare la differenza per la salute e il benessere di ognuno di noi. Se state pensando di dedicarvi a coltivare qualche frutto in autonomia, con la nostra mini guida avete un facile vademecum grazie al quale presto vi verrà il pollice verde e vi gusterete letteralmente i frutti del vostro impegno.


Melo.

È perfetto se avete un piccolo orto. Questo albero da frutto fa parte della famiglia delle Pomacee e vi darà grandi soddisfazioni. Fate in modo che il terreno e l’ambiente in cui vive siano umidi. Considerate poi che il melo ama la compagnia: deve essere piantato vicino ad altre specie e ha bisogno di un insetto impollinatore come le api. Inoltre, le sue radici assorbono tanto per cui sarà importante integrare i nutrienti con un buon fertilizzante. I suoi frutti sono i più succosi e amati, con una buccia ricca di proprietà e profumi molto gradevoli.

Limone.

Lo sapevate che il limone arriva dall’India e Indocina? Questo albero da frutto è ideale per la coltivazione in vaso, per cui è perfetto per chi sta muovendo i primi passi e chi sta costruendo il suo orto sul balcone. Per scegliere il vaso giusto, il criterio è che la sua chioma sia contenuta nel diametro del vaso stesso. Ricordate di mettere la pianta al riparo durante l’inverno, scegliendo un luogo comunque luminoso. Controllate che il terreno sia drenante e rinvasate possibilmente ogni due anni circa.

Pomodoro.

Non è un errore: il pomodoro, da un punto di vista botanico, è un frutto e non una verdura, come invece siamo abituati a credere. Questo tipo di coltivazione è l’ideale per chi sta partendo dall’abc ed è una di quelle che danno più soddisfazione. Il pomodoro, infatti, non può mancare in nessuna famiglia per le sue ottime proprietà e sapore inconfondibile. Averne sempre una scorta a portata di mano, dunque, non può che essere un toccasana. Scegliete un vaso molto grande, per cominciare. E controllate che sia bucato al fondo per avere il miglior drenaggio possibile (e munitevi di sottovaso). Il miglior terriccio è composto da 60% di fibra di cocco e 40% di humus di lombrico. Non annaffiate tutti i giorni ma controllando l’umidità della terra. Fate in modo di dotarvi di un buon fertilizzante organico. Aggiungete olio extravergine d’oliva e una foglia di basilico e la spaghettata e assicurata! E se volete assaporare un prodotto di valore, con la Raccolta Punti Bennet Club (gratis con 2.100 punti oppure con 1.100 punti + € 10,00), potete avere una bottiglia da 2 L di un olio sopraffino, al 100% biologico e italiano ed estratto a freddo.

E voi, avete mai pensato di coltivare la frutta in autonomia?

Raccontateci i vostri risultati fruttuosi sulla pagina Facebook di Bennet.

Promozioni

DA BENNET: SCONTO 50% 40% 30%

DA BENNET: ADDOBBI NATALIZI

DA BENNET: IL CALORE DELL'AUTUNNO

DA BENNET: SPECIALE GIOCATTOLI