Skip Navigation LinksHome > Editoriale Categoria > Editoriale Articolo

Come litigare, senza trasformarla in una guerra

Siete di quelli che "l'amore non è bello se non è litigarello" ma poi ci rimanete male e tenete il muso per tre giorni?

Vi sveliamo qualche regola d'oro per affrontare le peggiori litigate con un po' di saggezza e... leggerezza.
 
Volete scoprire come litigare, senza trasfomarla in una guerra? Vi piacerebbe che i vostri scontri a fuoco durassero molto meno e possibilmente senza porcellane frantumate alle pareti? In confronto a voi, la coppia di Kramer contro Kramer sembra in luna di miele? Avete bisogno di una svolta definitiva e di correre ai ripari il prima possibile. Seguite questi passaggi e la vostra vita (non solo) di coppia migliorerà all'istante.
 

Come litigare, senza trasformarla in una guerra.

Poche regole ma precise.

Non servono estenuanti riunioni a due per decidere come andare avanti. Basta seguire poche abitudini di coppia semplici e molto chiare. Piccole pillole di rispetto e buona educazione che devono necessariamente trasformarsi in regole. Abbracciarsi, passare un po' di tempo separati, cucinare insieme, dialogare e tenere sempre presente che giocate “nella stessa squadra” anche quando discutete.

Mettersi in ascolto.

Stabilire delle regole non basta se alla base della relazione non c'è la capacità di ascoltare. Bisogna mettersi in ascolto delle proprie esigenze tanto quanto di quelle del partner. Questa capacità non è innata per tutti ma pian piano si può coltivare e allenare. Considerate che ascolto ed empatia sono gemelli e dove c'è uno arriva anche l'altro. Solo ascoltando cosa l'altro ha da dire, possiamo sentire davvero la sua interiorità e il suo stato d'animo. Il passo successivo è armonizzarsi su tonalità vicine e affini. In fondo amarsi è un po' come suonare buona musica: tocca imparare ad accordarsi.

Ironia.

Uno degli aspetti più importanti in amore è riuscire a mettere da parte l'orgoglio. Ridere di sé ed educatamente anche dell'altro aiuta a stemperare ogni tensione. Una battuta detta al momento giusto, guardandosi negli occhi, vale più di mille strategie. E, una volta fatta la pace, perché non progettare un viaggio insieme o improvvisare una gita zaino in spalla? Cambiare aria mette senz'altro in circolo nuove emozioni.


Quali sono le vostre strategie per un litigio sostenibile?
Raccontateci i vostri metodi per non trasformare un litigio in guerra sulla pagina Facebook di Bennet.

 

Promozioni

DA BENNET: SCONTO 50%

DA BENNET: CREATIVITÀ IN CUCINA